Esistono alcuni giocatori che fanno parlare solo il campo. Sanno solamente fare questo, non si spendono in parole “inutili” durante la stagione, ma fanno ciò che serve alla squadra in campo e fuori dal parquet. Se c’è un giocatore di questa Cestistica Torrenovese che incarna perfettamente questo stile è Luca Munastra.

Luca, una stagione incredibile: ti aspettavi di raggiungere questo grande risultato?
«Fin dall’inizio del campionato pensavo che la squadra avesse un roster competitivo, ma di certo non pensavo che il nostro ruolino di marcia potesse essere così netto fino alle Final Four. Credo che Daro (Gullo, ndr) e Michele (Suraci, ndr) ci abbiano dato quella marcia in più per poter raggiungere la promozione. Abbiamo disputato una grande stagione, sono orgoglioso di aver fatto parte di questo gruppo. Mi sono trovato bene sin dal primo giorno, e dopo questa stagione c’è tantissima voglia di restare da parte mia».

Sei arrivato a Torrenova dopo un anno complicato ma ti sei affermato con prestazioni di grande quantità. Sei soddisfatto della tua personale annata?
«Venivo da un lungo infortunio e ci ho messo qualche partita a carburare, ma ho sempre dato il 100% per tutta la stagione. In inverno poi la borsite al gomito non mi ha aiutato, ma nonostante l’infortunio ho sempre messo la squadra davanti a tutto. Posso assolutamente dire di aver fatto, i miei compagni di squadra sono stati super, abbiamo raggiunto l’obiettivo massimo e sono molto soddisfatto».

Torniamo al momento in cui suona la sirena finale a Ferentino: che emozioni hai provato?
«Avevo già vissuto questo tipo di emozione, ma non mi stanco mai di vincere ed ogni promozione è diversa dalle altre. Sono felice di aver raggiunto la seconda promozione in tre anni e sono molto felice di averlo fatto con compagni di squadra che prima di tutto sono amici anche fuori dal campo. È stata poi un’emozione unica poter festeggiare la promozione davanti ai tifosi che ci hanno seguito tutto l’anno: questa promozione è anche per loro».

Credi che Torrenova sia pronta per la Serie B?
«Sarà il primo anno in Serie B, ma sono sicuro che la società farà un ottimo lavoro. Lo staff e la dirigenza della società è fatto da persone molto competenti che non fanno mai mancare nulla. Sono orgoglioso di aver rappresentato queste persone».

Ufficio Stampa Confezioni Corpina Torrenova

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento qui
Il tuo nome qua